Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Andrea Palma

Nato a Roma il 20 Luglio 1988 inizia la pratica del Karate stile WadoRyu nel 1993 a Roma presso il Dojo Olimpia del Maestro Massimo Conti

Nel 2007 riceve la qualifica di insegnate dall’ AWKJ Italia ed inizia ad esercitare affiancando il M. Conti.
Nel 2008 Insieme al M. Conti ed al M. Manca fonda il Karate Wado Team, attraverso il quale prosegue la sua attività di insegnante nei Dojo Newfreestyle, Cancun.
Nel 2012 partecipa alla fondazione dell'accademia Italiana karate arti marziali AIKAM, di cui il M.Conti è CTN ed il M. Manca il presidente.
Nel 2014 Sostiene con successo l'esame di Cintura Nera 3°Dan
Dal 2012 al 2017 insegna presso i Dojo Karate Romanina e Collatino 2 a Roma.

 

Lo Stile Wado Ryu
“Il Wado Ryu è uno stile giapponese di karate fondato nel 1934 dal Gran Maestro Hironori Otsuka.
Il suo nome significa scuola della via della Pace o scuola della via dell’Armonia. Al contrario della maggior parte degli stili di karate, che sono stati sviluppati ad Okinawa, il Wado Ryu il primo stile di karate ad essere originario del Giappone.
Pur trovando le sue origini nel Te di Okinawa, il Wado Ryu è uno stile in qualche modo a sé stante. La sua caratteristica principale è la fusione operata dal maestro Otsuka Tra lo Sfondo Yoshin Ryu Ju Jitsu e il Rykyu Kenpo.
Confronto gli altri stili le posizioni sono leggermente più alte,naturali, morbide e la distanza di combattimento è medio corta.
Lo stile pone particolare attenzione alla mobilità alla velocità e soprattutto la fluidità delle tecniche con un uso sapiente del taisabaki(schivata)
Otsuka stesso insegnò che il proprio movimento è la manifestazione del proprio spirito. Caratteristica importante è inoltre l’ampio bagaglio di ju jitsu con lo studio approfondito di proiezioni leve articolari immobilizzazioni e strangolamenti che si accompagnano all’uso delle tecniche derivanti dal karate il cui scopo è quello di causare un trauma anatomico in zone sensibili del corpo umano per neutralizzare l’avversario nel modo più rapido possibile….”
“…tutte le tecniche Wado Ryu richiamano all’essenzialità della difesa secondo il principio sey ryoku zen yo (massimo risultato con il minimo sforzo). Fondamentale importanza assume il controllo della respirazione e della muscolatura mediante la contrazione soltanto al momento dell’impatto per tornare immediatamente alla decontrazione muscolare
Dal Libro del M. Massimo Conti
Karate Wado Ryu Kaizen - dalle tecniche di base ai Kata superiori

Stampa