Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Contact Improvisation

 

 

ogni martedì dalle  20.30 alle  22

conduce Marianna Miozzo   

inizio lezioni Martedì 20 Settembre

Nasce negli Stati Uniti nei primi anni 70 . Il danzatore Steve Paxton, indagava sulle possibilità d’espressività del corpo al di fuori di schemi codificati e predefiniti da un’impostazione classica del movimento.
La Contact ha attinto nel suo sviluppo da tecniche come l’Aikido, il Tai Chi Chuan, la meditazione, da ginnastiche atletiche e dalla danza contemporanea.

La contact improvisation è una "non-forma" di danza che si sviluppa in totale spontaneità, in contatto/relazione con gli altri praticanti.
Il contatto con un’altra persona è l’inizio dell’esplorazione del movimento. Il focus essenziale è la coscienza del proprio corpo, la connessione con il corpo del partner, il flusso del movimento e lo spazio. Si fonda sulla fiducia reciproca e la fluidità, ponendo le sue basi sullo studio dell’interazione tra alcune leggi fisiche (gravità, peso, inerzia) e l’essere umano. Usa la forza di gravità e il pavimento come due partner: muoversi mantenendo il contatto con l’altro, cercando di risolvere ogni azione in passaggi semplici e continui.

Praticare la Contact richiede, e allo stesso tempo apporta, un rilassato e aperto stato del corpo e della mente in quanto essa propone un lavoro che mira allo sciogliemento dei blocchi emotivi che si sono sedimentati sul corpo ed incentiva la crescita delle capacità relazionali con l'altro. Indicata per danzatori, attori, musicisti, medici, terapeuti del movimento e tutti coloro interessati, per motivi personali o professionali, ad approfondire una ricerca sul corpo.

Stampa Email