Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Il corpo nelle fiabe

Fiabe di mortelle, ranocchi, orse e serpenti.
Indagine psicoanalitica sulle metamorfosi femminili/maschili

L'attante fiabesco agente delle metamorfosi è femminile, sia che l'incantesimo riguardi il corpo di un attante maschile, sia di un corpo di un attante femminile. L'incantesimo negativo, la maledizione che condanna l'attante a una forma animale è agito da una creatura magica, fata o strega. L'annullamento della maledizione è opera di un attante femminile umano, spesso soccorso da aiutanti magici; nel processo deve comunque intervenire un attante maschile, il protagonista stesso o una figura paterna.

All'umanizzazione dell'attante seguono sempre le nozze regali. Il finale felice, che superficialmente sembra una realizzazione semplicistica e infantile, rappresenta il difficile conseguimento dell'autonomia – ascesa al trono – unitamente alla stabilizzazione della relazione col diverso – unione feconda.

Indipendentemente dalle forme particolari non umane nelle quali si presenta dall'inizio della storia l'attante incantata/o - rana o ranocchio, maiale, cinghiale, orsa, asino, creatura divina – questa non umanità può essere intesa come espressione della assenza della rappresentazione della differenza di genere. La fiaba narra di questa mancanza come rigetto/coartazione di una figura femminile.

Si racconteranno due sogni che presentano una metamorfosi decisiva per il riconoscimento dell'esistenza del genere femminile, come se fino a quel punto fosse stata assente dalla realtà psichica.

Adalinda Gasparini
Modena, 26 marzo 2014

Stampa Email